Angela Micieli

Angela Micieli

Venerdì, 13 Febbraio 2015 15:38

Carnevale è entrato nel vivo

Con l’incoronazione di “ RE CARNEVALE”, l’evento carnascialesco più famoso della regione, giunto alla 57 edizione,  è entrato nel vivo, grazie alla Pro Loco di Castrovillari,al contributo  del Comune , delle istituzioni calabresi e di numerosi sponsor privati tra cui la Gas Pollino, con presidente Gerry Rubini e la BCC Mediacrati di Rende, con presidente, Nicola Paldino.

Il Corteo di “ Re Carnevale” è stato aperto  da due componenti il gruppo della Pro Loco con i tradizionali vestiti del “ Cuzzo e della Pacchiana” con in mano le “ Chiavi” della città, a seguire due cavalli del “ Range Le querce di Castrovillari” che hanno fatto da apripista alla macchina d’epoca con a bordo, in tutto il suo splendore ,la neo eletta “Madrina del Carnevale ” Arianna Blotta 18 castrovillarese, studentessa del Lieco Classico “ Giuseppe Garibaldi”.  Il corteo , partito da Canal Greco, è proseguito a  ritmo di tarantelle, a cura della banda musicale dei “ Pulcinella”;  “ Re Carnevale”  sul carro, trainato da due buoi, seguito dalla Quaresima e dal “Popolo del Carnevale”,  è giunto nella centralissima Piazza Municipio dove, il “ Centro Arte e Movimento” di Frascineto, diretto dai Maestri Francesco e Carolina Sancineto, ha dato il via, a ritmo di balli latini, al Carnevale.

Poi la  teatrale diatriba - in vernacolo, tra Re Carnevale e la Quaresima  a cura della compagnia teatrale  “ Accademia dei Bardi”, con Pippo Infante ( nelle vesti di Re Burlone) e Carlo Tallarigo in quelli della Quaresima. Quindi, alla presenta del presidente della Pro Loco, Eugenio Iannelli e del  direttore artistico, Gerardo Bonifati,  il tradizionale rituale dell’incoronazione e la conseguente, simbolica, consegna delle chiavi della città che ha aperto di fatto, la porta della gioia e del mascheramento che durerà fino a martedì grasso17 febbraio, all’or quando il “ Re” verrà  bruciato sul rogo e la quaresima prenderà il suo posto.

Poi sul palco “ Suoni Perduti” un raduno di zampogne e organetti a cura di ENTel mcl ( Ente Nazionale Tempo Libero).

Ma la serata di giovedì grasso si è contraddistinta , con uno degli appuntamenti più attesi e caratteristici del Carnevale di Castrovillari: la cosiddetta :“Sirinata d’a Savuzizza”  (XIII Concorso per Serenate Tradizionali) organizzata in collaborazione con il il centro anziani “A. Varcasia”, dedicata al compianto artista castrovillarese Gianni Francomano, che riprende l’antico rituale carnascialesco castrovillarese delle “Mascherate” .

Quest’anno, coinvolto il rione “Pantaniddu”. Una marea di gente si è riversata in questo “Rione”  è ha dato inizio alla festa. Più che soddisfatti la Pro loco  e gli organizzatori, Giovanni De Santo, Fernando Loricchio, Pierpaolo Avolio, Giancorrado Baratta, Ernesto Lamenza, Tonino Nardone e Tommaso Visciglia per la riuscita della manifestazione   in una veste nuova  che ha coinvolto, attraverso canti e balli tutto il rione che ha appoggiato appieno questa nuova formula.

In ogni casa era presente una giuria formata da componenti di diverse Associazioni  di Castrovillari , a loro è andato  l’arduo compito di decretare il vincitore che sarà ufficializzato martedì in occasione  della seconda ed ultima sfilata . L’intento principale degli organizzatori è stato quello  di rivitalizzare il centro storico della città in generale e del “ Rione” in particolare, e dall’entusiasmo dei partecipanti la manifestazione è più che riuscita.  

Il programma di domani inizierà, alle ore 10,00 presso il Protoconvento francescano, dove l’Istituto Alberghiero “ Karol Wojtyla” darà inizioal  II° Concorso Gastronomico “ Coriandoli,sapori e colori del Carnevale di Castrovillari”: “ La figura del maitre nella moderna ristorazione”. L’obiettivo è quello di coinvolgere concretamente i giovani “ maitre” in una gara di amicizia, di impegno professionale e di sana competizione in un clima di cordialità e di allegria. 

Alle ore 10,30  presso il Teatro Sybaris XXIII° “Seminario di studi e XIV° Concorso scolastico Premio Paponetti Sovrani” -   lection magistralis del Prof. Leonardo R. Alario – Consulta Scientifica F.I.T.P. sul tema :  “Carnevale deve morire. Spreco, sacrificio e redenzione in una grande festa liminare” . 

Alle ore 21,00 : sempre nel Teatro Sybaris, “Teatro e Carnevale”  “ Che fine ha fatto il mio io” con Francesco Paolontani a cura di “Carella Production 2” in collaborazionecon Circolo Cittadino, Kiwanis e Rotary.

 

APPUNTAMENTI

 

Ore 21.00            San Valentino Carneval  - Il Mulino Risto -pub   Via Pò 

Ore  23.00           Speciale San Valentino

Concetto Logico band cover Biagio Antonacci - Twin’s -  Viale delle Querce 

Ore 23.30            Deja vù  in maschera – Party di Carnevale  - C.da Vigne

Ore 23.30            Untegrond Loves  con   “ La Cura” –  La Bodeguida de Cuba – Via Polisportivo 

Ore 23.00            FULL ICE   - Urban Theater – C.so Garibaldi               

Ore 24.00            DJ Set : Fader J diretta Jonica Radio – Twin’s  - Viale delle Querce

 

UFFICIO STAMPA

Anna Rita Cardamone ( ARCA COMMUNICATION)

Dopo la richiesta di dimissioni da parte dell'ex consigliere di maggioranza Antonio Viceconte, anche Carmine Zaccaro, dell'area riformista del PD, non soddisfatto delle spiegazioni date in una nota stampa dal presidente della Pollino Gestione Impianti, Giacomo D'Angelo, chiede sia fatta maggiore chiarezza sulla gestione della municipalizzata, al fine di fugare ogni ombra.

La risposta di D'Angelo non si è fatta attendere: con un comunicato così fa ulteriormente luce sulla vicenda sollevata:

"Non posso che ringraziare ed essere d’accordo con Carmine Zaccaro sulla necessità di fare chiarezza! Ritengo di dover rispondere ai dubbi di Zaccaro con lo stesso mezzo da lui utilizzato. Quello di cui parla Zaccaro si chiama bilancio d’esercizio. E’ questo il documento che illustra gli introiti del comune ed in generale tutta l’attività esercitata e gli investimenti realizzati. Detto documento è soggetto a revisione contabile ed è a disposizione di tutti poiché ne è obbligatoria la pubblicazione.

La Pollino Gestione Impianti quest’anno farà di più, per la prima volta pubblicherà un “Bilancio Sociale” in cui rendiconterà alla popolazione, oltre a quello che guadagna in termini economici il comune,  anche le ricadute sociali del suo agire. Il documento è già pronto ma, essendo sceso in campo al fianco di uno dei candidati alle primarie, ne ho ritenuto inopportuna la pubblicazione.     

In merito al secondo dubbio di Zaccaro, sulla parità di trattamento delle società di vendita di Gas, pubbliche o private che siano, può fare riferimento al sito internet della Pollino Gestione Impianti in cui potrà vedere le tariffe praticate, poiché determinate non già dalla società di gestione ma dall’Autorità per l’Energia elettrica ed il gas. Ma anche in questo campo la Pollino Gestione Impianti, grazie al lavoro di uomini e donne che quotidianamente ci metto passione in quello che fanno, ha fatto di più e meglio. Una percentuale della tariffa verrà trasmessa al comune di Castrovillari che la utilizzerà per finalità sociali.

Una precisazione ulteriore stante l’equivoco creatosi con il comunicato di Antonio Viceconte. Nessun mio parente è dipendente o socio della Pollino Gestione Impianti o di società a questa legate".

                                                                                                                       

  

COMUNICATO STAMPA

Alcuni documenti relativi alla “vita carceraria” a cui era adibito il Castello Aragonese di Castrovillari, concernenti il periodo che va dal 1861 al 1879, rinvenuti casualmente nel maniero qualche mese fa, prossimamente potrebbero essere osservati in una mostra che verrebbe curata dall’Archivio di Stato e dall’Associazione culturale Sifeum. 

Proprio alcuni soci di questa, che da qualche anno cura la fruizione  dell’antico maniero in sinergia con il Servizio di Promozione Culturale del Comune di Castrovillari, furono gli artefici, a novembre scorso, della fortunata scoperta (comunicata immediatamente pure all’ente)  durante un servizio di pulizia degli ambienti in preparazione di un evento. Uno di quelli che ormai da tempo prendono vita nel Castello dopo il suo recupero. 

Il materiale cartaceo,  fogli sparsi, già fruibile presso l'Archivio  dopo essere stato opportunamente riordinato in fascicoli e inventariato da Concetta Micciullo, Rosetta De Biase,  Francesca Mortati e Rosina Romeo della Sezione di Castrovillari, venne trasmesso all’Archivio di Cosenza ed al Ministero competente per gli opportuni adempimenti.

Negli atti sono trascritti i rapporti giornalieri dei guardiani, i certificati di carcerazione e scarcerazione, gli elenchi degli addetti ai servizi domestici,  richieste particolari (come i permessi ai notai di entrare in carcere), il rilascio dei certificati sanitari, il  registro dei conti, i movimenti mensili dei detenuti, la consegna sempre di questi alle guardie ed ai carabinieri reali,  riferimenti dei movimenti dei detenuti e gli elenchi dei carcerati rilasciati in libertà. 

Il fondoaiuterà a configurare meglio , secondo i ritrovatori e  gli addetti, il quadro del complesso archivistico che ricostruisce la vita dello stesso il quale risulta ancor più importante per la storia della città e per l’antico carcere giudiziario, a cui fungeva il maniero, tenuto conto che si riferisce ad anni dopo l’Unità d’Italia e interessa la vita quotidiana dei detenuti e l’attività amministrativa e carceraria dell’epoca.

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari

(g.br.)

Non si fa attendere la replica di Mimmo Lo Polito a chi ha ribadito, ieri pomeriggio, in una conferenza stampa,  il proprio  no alla riapertura della discarica Dolcetti-Campolescia. Erano presenti,  presso la sede dell’ Associazione "Solidarietà e Partecipazione", il suo presidente, Ferdinando Laghi, insieme al rappresentante dell’Associazione Forum Ambientalista Nazionale, Francesco Saccomanno, Pino Angelastro, presidente dell’Associazione "Il riccio" e Vincenzo Veltri, presidente del Comitato "Castrovillari contro la riapertura della discarica di Dolcetti-Campolescia.

"Dopo diversi mesi di silenzio torna a far sentire la propria voce una delle associazioni legate alle liste civiche già presenti nel consiglio comunale. E lo fa su un tema più volte trattato, quello dei rifiuti. Lo fa senza preoccuparsi dei cumuli di rifiuti presenti in ogni angolo di strada; lo fa senza preoccuparsi di capire perché non è stato inviato il saldo della TARI 2014 (in questo anno i cittadini di Castrovillari saranno costretti a pagare 2 volte:il saldo 2014 e tutto il 2015); lo fa senza preoccuparsi di capire quanto spende il comune di Castrovillari per trasporto e conferimento nell’impianto di Rossano."

Lo fa, in una parola, con il metodo solito, creando allarmismo e conseguente NO.

Ma il no a che cosa? Ad un progetto che è stato finanziato per “la messa in sicurezza ed adeguamento” del sito di Campolescia. Dopo che sono stati acquisiti tutti i pareri di legge.

Ed allora forse un poco di cronologia aiuta.

Il sito interessato non ricade in zona archeologica (è stato acquisito il parere della Sovrintendenza ai beni Archeologici);

 il sito non ricade in zona che presenta falde inquinabili (è stato acquisito il parere favorevole dell’Arpacal);

il sito non è soggetto ad alcun vincolo che ne impedisce l’utilizzo ed a tal fine sono stati acquisiti tutti i pareri favorevoli;

il sito, per anni sequestrato dalla Procura della Repubblica, è stato dissequestrato per l’esecuzione dei detti lavori.

Pareri favorevoli che, il nucleo VIA (valutazione impatto ambientale), ha valutato nella seduta del 9 Aprile 2013, alla presenza del sottoscritto del consigliere Dario D’Atri e dell’assessore Angelo Loiacono, rigettando gli otto ricorsi che le associazioni legate a Solidarietà e Partecipazione avevano fatto pervenire a detto organismo, composto da rappresentanti di tutti gli enti e professioni addetti alla tutela del territorio ed ai vincoli esistenti.

I ricorsi rigettati contenevano gli stessi argomenti oggi riproposti, bollati da chi per legge è tenuto a valutare il rispetto dei vincoli per la tutela del territorio, come INFONDATI.

In quella occasione erano stati fatti dei rilievi al progetto presentato dall’amministrazione Blaiotta che effettivamente prevedeva un innalzamento delle sponde e della capacità di abbanco (piramide), ed alla quale all’epoca, da opposizione, ci eravamo opposti. Il nuovo progetto non prevede alcuna piramide ma il riempimento al colmo del piano campagna. In altri termini come era all’orgine. E solo dopo la riformulazione del progetto, in data 10 Agosto 2013 è stata rilascia l’AIA (autorizzazione integrata ambientale) con decreto n.11591.

Il progetto non è in fase d’appalto. E’ già stato appaltato. Dimostrazione evidente che con il milione di euro ottenuto i lavori sono interamente finanziati senza oneri per il comune di Castrovillari.

Il risparmio per l’ente e per i cittadini è evidente. Altro che aumento dei costi di gestione. Ignora, infatti, chi si oppone alla riapertura, quanto l’ente paga a quintale di rifiuti per il conferimento del secco non riciclabile e per il trasporto a Rossano. Ignora, sempre chi si oppone, che tutti questi costi gravano totalmente sui cittadini. Ignora, sempre chi si oppone, che negli anni il comune di Castrovillari ha speso circa 600.000,00 euro per la raccolta di percolato, per una discarica non utilizzata, oltre al danno sociale per l’inquinamento sino ad oggi prodotto; i lavori appaltati ne prevedono la sistemazione e messa a norma con ulteriore minore spesa per l’ente in termini monetari e di inquinamento ambientale.                

Ignora, sempre chi si oppone, i vantaggi economici in termini di minori costi (dati dalla differenza tra costi attuali e costi dopo la riapertura) e, soprattutto, di pulizia delle strade cittadine".

Mimmo Lo Polito  

 

Ce l'ha fatta. La fotomodella castrovillarese Cristina Buccino vince al televoto contro Margot Ovani e diventa la nuova concorrente dell'Isola dei Famosi.

Un grosso in bocca al lupo alla nostra simpatica e prorompente concittadina per questo nuovo traguardo raggiunto!

COMUNICATO STAMPA

Un sogno da realizzare, una missione per tutti noi: Castrovillari deve tornare ad essere un' "agora”, una piazza di partecipazione, un luogo bello da vivere, così com'era un tempo!

 Non vi è speranza dove i sogni non si realizzano. Per questo è importante dare un segnale di svolta, un contributo fattivo: concretizzare idee semplici, da contrapporre alla realizzazione di opere pubbliche, le quali spesso finiscono per divenire un problema, invece che una risorsa ed una ricchezza per i cittadini. 

 L’apertura immediata del Palazzo di Città e dell’ex Tribunale di via XX Settembre, riempiti finalmente di ruoli e persone, daranno il loro concreto contributo alla rivitalizzazione del centro, con l’obiettivo di rilanciare anche le attività commerciali. 

 Lo scopo è quello di creare un vero e proprio Centro Commerciale naturale: aree mercatali e negozi fissi, per dar vita ad un percorso dello "shopping rilassato"; realizzazione di Opere pubbliche destinate a rinnovare l’aspetto fisico dei luoghi; azioni di marketing della rete commerciale ed innovazione anche nella gestione dei punti vendita. 

 Questi sono alcuni degli ingredienti sostanziali di un programma ambizioso, studiato per soddisfare l’attesa di un centro città più vitale, competitivo, ma al tempo stesso capace di interpretare il ruolo di grande casa comune in cui riconoscersi ed in cui accogliere gli ospiti. 

 Sarà necessario quindi: procedere ad una nuova regolamentazione dell’isola pedonale; rendere gratuito il parcheggio a pagamento il sabato pomeriggio e la domenica; ampliare i parcheggi riservati ai portatori di handicap; istituire anche le “strisce rosa” per le donne in gravidanza. 

 Via Roma sarà la “Strada della Cultura”, con una nuova anima ed una nuova funzione. Il commercio e la cultura si sosteranno a vicenda e troveranno insieme la ragioni per un futuro migliore. 

 In questo senso, verrà garantito il massimo impegno politico ed amministrativo: si tenterà, ad esempio, di trasformare parte dei locali sfitti o abbandonati nelle sedi delle associazioni culturali, spesso site in strade periferiche, con le loro attività, all’interno ed all’esterno, di musica, danza, cinema, performance multidisciplinari, fotografia, street art, workshop, seminari, percorsi partecipati, arti digitali, ecc... 

Proprio la presenza delle associazioni, con le loro specificità migliori quali l’entusiasmo, la partecipazione costante, le nuove idee e la cultura saranno la premessa per “vivacizzare“ la nostra strada e farla ritornare ad essere un luogo di aggregazione, dove è possibile comunicare e socializzare, dove l’ "Io" diventi il "Noi" e si possa di nuovo dire: tutte le strade portano a... “via” Roma! 

 

Tonino Morelli ‪#‎meritiamodipiù

 

COMUNICATO STAMPA

Sin da quando ho assunto la guida della Pollino Gestione Impiantii ho cercato di non espormi dal punto di vista mediatico, consapevole del fatto che la città di Castrovillari ha bisogno di gente che lavori e non si attardi a fare articoli sul giornale.

Con questo mio atteggiamento ho protetto la società facendola lavorare e progredire.

Oggi, però, devo registrare due articoli che provengono da persone del mio partito che occorre sottolineare e chiarire.

La prima in ordine di tempo quella proveniente da Maria Saladino candidata alle primarie del centro sinistra che attacca frontalmente e senza mezzi termini, e per questo merita rispetto, la partecipazione mia e del Presidente della Gas Pollino ad una manifestazione, tenutasi sabato sera, dell’altro candidato e sindaco uscente Mimmo Lo Polito.

Nel primo articolo la Saladino parla di “squadre ed apparati per auto conservarsi”.

Ebbene, se il sottoscritto avesse voluto auto conservarsi, sarebbe stato alla finestra ad aspettare almeno l’esito delle primarie, per poi salire sul carro vincente.

Questi sono sistemi e schemi che non mi appartengono.

Il sottoscritto partecipa ad un progetto politico per la città che si chiama “Verticalia” e, come ho sempre fatto, in questo progetto ci metto le mie competenze, la mia professionalità e soprattutto la faccia, chiarificando sin da subito, che se non dovesse essere questo il progetto vincitore alle primarie, svolgerò il mio ruolo dall’interno del partito, ma non mi candiderò.

L’altro attacco è ancora più vile e strisciante. Nell’articolo parla di “parentopoli”, poi si citano percentuali di partecipazioni societarie, commistioni e conflitti di interesse.

La cosa veramente allarmante è che questo articolo proviene da un giovane collega al quale sollecito l’applicazione delle sue conoscenze in materia di diritto societario.

I due attacchi sono però troppo ben congegnati e coincidenti con la mia prima uscita pubblica a sostegno di Mimmo Lo Polito e del nostro progetto “Verticalia”.

Bene a scanso di equivoci e dubbi che si possano ingenerare, ricostruisco i fatti.

Il sottoscritto assumeva la carica di Presidente del Consiglio di amministrazione della Pollino Gestione Impianti S.r.l. in data 13 agosto del 2012, questa data è da tenere bene in mente ai fini di una corretta informazione.

La società di cui parla Viceconte è stata costituita in data 7 luglio 2008, ben 4 anni prima che prendessi la guida della Pollino Gestione Impianti.

La Sviluppo Energia S.r.l. gestisce in concessione la rete del gas del comune di Rocca Imperiale.

La Pollino Gestione Impianti detiene il 40% del capitale, le altre due, rispettivamente il 30%. Nessuna delle tre società può incidere sulle decisioni senza il consenso di almeno un’altra.

Quello che avviene all’interno delle società CNEA Sud S.r.l. ed Esco Gas S.r.l., con cui si condivide esclusivamente la partecipazione al capitale della Sviluppo Energia S.r.l., non può essere in alcun modo sindacato dal sottoscritto, questo è talmente evidente che anche un bambino se ne renderebbe conto.

Per tale motivo ritengo l’attacco meramente strumentale e privo di qualsiasi fondamento.

Pertanto, spedisco al mittente le insinuazioni sollevate e per la quale non intento neanche attardarmi più di tanto.

Rassegnerò di certo le mie dimissioni ma solo se il mio partito riterrà di candidarmi alle prossime elezioni amministrative.

 

                                                                                                                                             Giacomantonio D’Angelo 

COMUNICATO STAMPA

Non è proprio vero che bisogna stare zitti sulla grave intromissione nelle primarie cittadine delle Municipalizzate a mezzo dei loro Presidenti a sostegno di uno dei candidati, in particolare di colui che da Sindaco ne ha determinato la nomina;

Resto meravigliata, fino ad un certo punto, ho sempre denunciato la continuità amministrativa degli ultimi tre governi;  questo è il sistema che si ripropone oggi, con arroganza, purtroppo all’interno dei progetti bifronte dei due candidati di cui sono Alternativa. Metodo bipartisan riproposto  o ripetuto.

Non ho affatto preoccupazione, ho con me la gente, ma è bene dirlo sin d’ora, che la intromissione non è gradita, non è morale,  e non crea trasparenza nel modo di chiedere e produrre consenso democratico e libero con l’utilizzo di strutture partecipate o uffici pubblici e, chissà, spero di no, risorse pubbliche;

Occorrerà evitare questo conflitto di interessi per garantire trasparenza, il nuovo governo municipale doverosamente dovrà chiedere il  necessario  ripristino delle condizioni di imparzialità amministrativa delle Società partecipate, e degli Uffici Pubblici, e non è ne è immune il Comune e l’ASP. Un metodo vecchio che trasforma i diritti dei cittadini in gentili concessione.

Io non ho da garantire nessun mantenimento di cariche ed incarichi, non è il mio metodo di produrre consenso. Sono fuori per forma mentis  da tutto ciò che ha portato Castrovillari sul baratro; per cui con coraggio interverrò perché competenza e trasparenza la facciano da padrone nel disegno di gestione amministrativa che deve essere riportato verso il bene comune e non verso gli obiettivi dei singoli.

Le forze Politiche che si richiamano al Centro sinistra, ai movimenti ed all’associazionismo, si preparino a partecipare a questa nuova stagione che sarà dirompente quanto la mia proposta di consenso ed il mio, progetto politico.

Guardando il quadro che ha portato al commissariamento del comune di CASTROVILLARI, alla esplosione di tanti partiti PSI , UDC, SEL, alla demolizione di persone e movimenti , mi pare che si sia avviata la proposta ripartendo veramente da tre : un ex Sindaco, due Presidenti. 

Sappiate che, la Città ed in particolare le Forze di  centro sinistra stanno guardando con attenzione all’esito delle primarie ed al percorso politico amministrativo con cui si produrrà il risultato.

L’attuale messaggio è “ripartiamo per non cambiare, anzi per mantenere”.

Il mio messaggio è chiedere a Castrovillari di fare la rivoluzione, salvarsi, riscrivendo il futuro di cui altri vorrebbero appropriarsi.

                                                                                                                          Mariella Saladino

In vista del prossimo appuntamento con le Primarie del Centrosinistra, in programma domenica 22 febbraio 2015, il candidato Mimmo Lo Polito sabato 7 febbraio, alle ore 18:00, presso Sala Varcasia, terrà un incontro pubblico per discutere e confrontarsi con la città su una tematica di grande interesse: "Urbanistica, Servizi e Nuove Tecnologie".

All'incontro, moderato da Alessandro Di Callo (Segretario Giovani Democratici Castrovillari) interverranno: Pino Tonissi(Architetto), Gerry Rubini (Presidente Gas Pollino), Giacomo D'Angelo (Presidente Pollino Gestione Impianti), Andrea Attanasio (Docente Unical). Le conclusioni saranno affidate al candidato Mimmo Lo Polito e subito poi seguirà dibattito. 

COMUNICATO STAMPA

Ricomincio da tre. Nella nuova avventura politico-amministrativa ripartiamo da cosa?

1)    In primo luogo il grande amore per Castrovillari. Vivere a Castrovillari è stata una scelta netta verso un luogo ed una comunità fatta di gente vera, ricca di tradizione e passione, aperta culturalmente e ricca di potenzialità mai effettivamente coltivate per mero calcolo ed opportunismo politico.

2)    Da una squadra ben amalgamata che ha lavorato tanto ed in armonia. Mi riferisco a consiglieri ed assessori che non si sono sottratti all'impegno preso con gli elettori. Ripartiamo dal personale politico che esprimono i partiti del centro sinistra; partiti veri, che esistono oltre le competizioni elettorali. Partiti che si sono arricchiti di nuovi soggetti stanchi di restare a guardare dalla finestra cosa accade sulle loro spalle. Rilanciamo l'impegno con tanti giovani, dal curriculum ricco ed eccellente, che si sono avvicinati spontaneamente e con il fine unico di fare e dare per la propria comunità. Personale politico dalla schiena dritta che non pensa più di andare in giro con il cappello in mano ma che ha preteso e pretende che la politica faccia le scelte sulla base delle esigenze reali ed i bisogni collettivi. La salvezza del Tribunale è passata attraverso l’impegno del partito democratico a livello di segreteria nazionale. E la lotta fatta a difesa dell’Ospedale di Castrovillari ha portato in Città parlamentari e consiglieri regionali che si sono recati anche in Procura con lo scrivente per denunciare penalmente lo scandalo dell’accorpamento con l’Ospedale di Acri, voluto per calcoli elettoralistici dal Scopelliti. L’apprezzamento della grande capacità progettuale della nostra squadra di tecnici e politici si è avuta con il riconoscimento operato dall’assessorato regionale alla programmazione dei fondi comunitari che ha portato i tecnici del Ministero nel mese di dicembre 2013 a Castrovillari per verificare la bontà dell’attuazione dei programmi in Calabria. Il Presidente del Consiglio Renzi ha scelto di far partire dalla festa dell’Unità di Castrovillari, nel 2012, la propria avventura politica in Calabria (che poi ha toccato solo Diamante e Pizzo), riconoscendo  il grande ruolo politico di questa cittadina. Ed il ministro Barca ha puntato su Castrovillari e l’intero territorio per l’attuazione dei “luoghi ideali”. Castrovillari ha saputo farsi valere e saprà farlo per l’intera classe politica, capace e competente, che ha espresso. I rapporti individuali a livello politico servono ad ingrassare i pochi. E di questo abbiamo avuto innumerevoli esempi nel passato che non dobbiamo mai più riproporre.     

3)    Dai tanti progetti realizzati e finanziati che abbiamo il dovere politico e morale di attuare rilanciando con i molti altri già in cantiere. Ed in particolare: a) il progetto per depurazione e rete fognante finanziati dal CIPE per 5,5 milioni di euro; b) la procedura d'appalto per il completamento del castello aragonese finanziato per 800.000,00 euro; c) la sistemazione del vecchio mattatoio finanziato per 200.000,00 euro; d) il rimboschimento finanziato per altri 200.000,00 euro; e) i piani di lavoro locale per nuova occupazione finanziati per 2,8 milioni di euro; f) la sistemazione e messa in sicurezza della discarica di Campolescia finanziata per 1 milione di euro; g) i PAC, piani di azione e coesione sociale, per asili nido ed assistenza domiciliare; h) il progetto mani tese per soggetti in difficoltà finanziato dal Ministero dell'interno; i) i piani di sicurezza locali per i quali era stato candidato a finanziamento il cinema Vittoria; l) l'appalto per il completamento del palazzo di Città per il quale erano state impegnate le somme necessarie nel bilancio 2013, nel piano triennale delle opere pubbliche e nel mese di giugno 2014 è stato consegnato il relativo progetto; m) la gara d'appalto per la sistemazione di alcune strade cittadine per le quali con delibere di aprile 2014 era stata deliberato il computo metrico; n) l'arredo urbano per i quali erano stati impegnati 200.000,00 euro con delibera del 2013 di destinazione degli oneri di urbanizzazione; o) il progetto di miglioramento energetico della scuola De Nicola finanziato con 1 milione di euro; p) la richiesta di finanziamento per la sistemazione della scuola dell'infanzia di contrada Porcione; q) il concorso da responsabile dell'ufficio ragioneria per il quale era già stata conclusa la fase della mobilità tra enti; r) la delibera per l'affidamento dell'incarico per la verifica dell'idoneità statica del vecchio tribunale; s) la delibera di concessione del locale per l'apertura dello sportello per gli immigrati; t) la fiera sociale del libro; u) il concorso per l'assunzione di un legale all'ente; v) l'attuazione della nuova organizzazione del personale la cui dotazione organica è stata approvata dal Ministero dell'interno; z) l'approvazione del PSC. Ma anche il finanziamento di 200.000,00 euro per un primo intervento comunicato dalla protezione civile regionale con nota del 28/4/2014. Noi ripartiamo anche da questo. E da altro ancora come il progetto di marketing territoriale e nuove tecnologie finanziato per 420.000,00 euro ed il cui progetto gia' e' stato acquisito al comune, appro Mimmo Lo Politovato e soltanto da appaltare; le piste pedo-ciclabili i cui lavori sono iniziati ed appaltati per 1,5 milioni di euro, ecc. ecc. ecc.. E nei prossimi giorni, oltre agli slogan e frasi fatte che si sentono in giro, ripartiremo e rilanceremo con i primi cento atti del nuovo governo cittadino. Cose concrete, come quelle sopra dette e da noi avviate. Cose che tengono conto della nuova programmazione europea che passa dal bando al progetto e di cui protagonisti sono i territori. Come il filo rosso da completare o il coordinamento delle buone pratiche amministrative di cui il sottoscritto era il presidente per i comuni della nostra regione (alla faccia di chi confonde il proprio isolamento personale e culturale con quello della Città). Ed infine, ma non per ordine di importanza, l'attuazione delle proposte dei luoghi ideali che ha visto il protagonismo del nostro circolo. Tante cose da fare e tante energie da impegnare. Energie sane; risorse umane vere; in una parola PERSONE PERBENE. Avanti........Verticalia

E’ possibile visualizzare questo contenuto ed altri aggiornamenti sul sito www.mimmolopolito.it dove sono state inserite inoltre le linee programmatiche del Centrosinistra.

Pagina 7 di 124
Monday the 26th. Castrovillari in Rete - Powered by Francesco Parrotta