Varie

Varie (629)

− COMUNICATO STAMPA −

La primavera è arrivata e, come ogni anno, l’Associazione Guide e Scout Cattolici Italiani si prepara a festeggiare il santo protettore San Giorgio. Saranno quasi 200 gli Esploratori e le Guide della zona dell’Alto Jonio dell’Agesci che invaderanno Saracena (CS) il 25 e 26 Aprile. Dopo tanti anni di attività Scout, per la prima volta il Paese del Passito ospita un evento di tale portata: un’occasione unica per rinnovare la Promessa e festeggiare il Santo Patrono con numerose attività improntate sul gioco, sulla fratellanza Scout e sull’avventura.

Durante i due giorni le 25 Squadriglie partecipanti, provenienti dai Gruppi scout di Castrovillari, Saracena, Cassano allo Ionio, Rossano, Trebisacce e Corigliano, avranno modo di misurarsi in sfide di tecniche e giochi scout nel segno dell’amicizia, della cooperazione e della lealtà.

Il tema scelto quest’anno è “Favol…osare” – Giocare con l’Impresa.

L’evento si concluderà Domenica 26 con la celebrazione della Santa Messa nel campo sportivo “Ugo Catalano”.

“Per me la festa di San Giorgio è sempre un po’ come un Capodanno. Viene all’inizio della stagione estiva, quando la vita riprende dappertutto e la stagione dei campi si accinge a lanciare i nostri ragazzi nell’ambiente più vasto dell’aria aperta.”

Baden-Powell, fondatore degli scout, in Headquarters Gazette, Aprile 1920

Gruppo Scout "Citavetere" Saracena1

− COMUNICATO STAMPA −
  
Le acque di risulta delle lavorazioni olearie (acque di vegetazione) che si generano dalla produzione dell’olio extra vergine di oliva costituiscono uno dei maggiori problemi ambientali dei territori a vocazione olivicola, in particolare di quelli che si affacciano sul bacino del Mediterraneo. Ma quello che è stato ed è ancora un problema per tanti operatori e per i responsabili delle politiche ambientali oggi può diventare una risorsa, che supera il valore del prodotto principale.
 
Di trattamento delle acque di vegetazione e della loro trasformazione in prodotti di interesse commerciale per il settore nutraceutico, farmaceutico e cosmetico, eliminando nel contempo il loro carico inquinante, si sono occupate l’azienda calabrese Fangiano e Techfem S.p.A. che renderanno noti i risultati importanti della loro sperimentazione, il prossimo 23 aprile, con un "Workshop sulla valorizzazione delle acque di vegetazione olearie mediante estrazione dei composti nobili antiossidanti, polifenoli, tirosoli ed idrotiroli". Perchè se l'ulivo è alla base del benessere dei popoli mediterranei allora è il caso di interrogarsi ed approfondire su quali siano i risvolti positivi del trattamento delle acque di vegetazione e puntare ad una filiera produttiva che trasformi un problema in una risorsa utile per le comunità.  
 
A partire dalle ore 9.00 e per l'intera giornata presso l'Azienda Agricol Fangiano di Nocera Terinese discuteranno del tema Girolamo Giordano, docente Unical – Diatic, Nadia Mulinacci, docente Unifi – CeRA, Antonio Procopio, docente Unicz UMG – IRC FSH insieme a Maria Savarese e Salvatore Falco di Olio Dante S.p.A. di Montesarchio (BN), all'ingegnere Francesco Ferrini di Techfem S.p.A. e Marco Ferrini dell'Azienda Agricola Fangiano. Interverranno  Gaspare Rocca, Sindaco di Nocera Terinese e Menotti Lucchetta, Dirigente del servizio di ricerca della Regione Calabria. 
 
Le proprietà biomediche dei polifenoli presenti nelle acque di vegetazione sono ampiamente note nella letteratura scientifica da  anni, e quelli dell'ulivo in particolare hanno straordinarie proprietà antiossidanti, anticangerogene e con effetti positivi sull’apparato cardiocircolatorio. E in più, sempre dall’olivo, si possono produrre tisane da infusioni, conserve, fanghi per il viso, oltre a trasformare il nocciolo del frutto in combustibile per stufe e caldaie. Un piccolo frutto, dunque, che può trasformarsi sempre più in una reale risorsa per la vita quotidiana.
 
Info e iscrizioni www.fangiano.it
 
::::::::::::::::::::
 
Programma
9.00 • Registrazione e visita agli impianti di estrazione a membrane
10.15 • Apertura col saluto del Sindaco di Nocera Terinese: Sig. Gaspare Rocca
10.20 • Inquadramento del progetto di valorizzazione delle acque di vegetazione (AV) olearie e descrizione dell’impianto di estrazione a membrane:
Ing. Francesco Ferrini (Techfem S.p.A.)
10.40 • Operabilità dell’impianto di estrazione degli antiossidanti in sinergia con l’impianto di molitura delle olive:
Dr. Marco Ferrini (Az. Agricola Fangiano- CALABRIALCUBO)
11.00 • Coffee Break
11.30 • Metodi di analisi a confronto per la determinazione quali e quantitativa dei composti antiossidanti e bioattivi in diverse frazioni estratte da acque reflue e sottoposte a processi di concentrazione. Influenza della temperatura di concentrazione sull’attività antiossidante:
Prof.ssa Nadia Mulinacci (Unifi – CeRA)
12.30 • Processi innovativi per la concentrazione di molecole di interesse nutraceutico e metodi di analisi speditive per la gestione dell’impianto di produzione, di concentrazione e di confezionamento per la titolazione del potere antiossidante delle frazioni estratte (indice globale):
Prof. Girolamo Giordano (Unical – Dpt. DIATIC)
13.00 • Lunch
14.30 • Molecole bioattive nelle acque di vegetazione olearie: metodi analitici per la determinazione dell’attività antiossidante dei polifenoli presenti e prospettive in campo nutraceutico e/o farmaceutico con risultati preliminari di saggi chimici e cellulari:
Dr.ssa Sonia Bonacci / Prof. Antonio Procopio (Unicz UMG – IRC FSH)
15.00 • Uno sguardo sul mercato: introduzione Ing. Francesco Ferrini (Techfem S.p.A.)
15.10 • Prospettive sull’applicazione degli antiossidanti da AV per la valorizzazione nell’industria alimentare:
Dr.ssa Maria Savarese / Dr. Salvatore Falco – Olio Dante S.p.A. di Montesarchio (BN)
15.40 • Il sostegno regionale alla Ricerca e all’Innovazione:
Dr. Menotti Lucchetta – Dirigente del Servizio Ricerca – Regione Calabria
 
16.00 • Coffee Break
 
16.30 • Tavola rotonda con la partecipazione di operatori del mercato
 
AVI Communication

COMUNICATO STAMPA –

Lo scorso 19 aprile si è svolto presso il Jolly Hotel a Castrovillari un incontro pubblico sul tema della cooperazione economica nel settore assicurativo.

Al centro della tavola rotonda, patrocinata dalla Confcooperative Calabria e dalla Banca di Credito cooperativo (BCC) “Mediocrati”, il caso della Compagnia del Sud: l’ambizioso tentativo di dar vita nel nostro territorio a una compagnia assicurativa in forma cooperativa.

La CdS SCpA(Compagnia del Sud Società Cooperativa per Azioni) nasce dal sogno che il suo presidente, Franco Ferro, ha condiviso con amici e colleghi. Dopo una vita nel settore assicurativo, egli ha deciso di tentare ciò che mai nessuno prima di lui aveva osato intraprendere alle nostre latitudini: fondare una compagnia assicurativa nel cuore di quel Meridione sempre tanto bistrattato dalle maggiori compagnie assicurative operanti a livello nazionale.

Nel freddo universo delle assicurazioni, proprio dal Sud più profondo parte un progetto economico e associativo che vuole mettere insieme persone per bene: professionisti, piccoli imprenditori, artigiani e commercianti.

La CdS vuole essere una compagnia assicurativa solida che possa portare sviluppo e occupazione sul nostro territorio e allo stesso tempo possa dimostrare come anche nel Meridione, terra di mafie e malaffari, sia possibile mettere insieme le migliori energie e professionalità per fare impresa in maniera sana e solidale.

La CdS, quindi, indica una strada: quella della cooperazione e della mutualità per uno sviluppo alternativo e diffuso del Mezzogiorno. Di questo si è discusso nella tavola rotonda di domenica scorsa, alla quale hanno preso parte il presidente della CdS, Franco Ferro, in rappresentanza del presidente della Confcooperative Calabria, Camillo Nola; il consigliere regionale della Confcooperative Calabria, Salvatore Monaco; il responsabile del Settore cultura dell'Associazione nazionale dei Comuni italiani (ANCI) Giovani Calabria, Francesco Lo Giudice; il docente universitario Giuseppe De Bartolo; la coordinatrice del Gruppo CdS Pollino, Annamaria Maradei e il giornalista Oreste Parise.

«Il sogno Compagnia del Sud sta diventando realtà», ha asserito il presidente della costituenda realtà assicurativa meridionale. «Ad oggi contiamo oltre 700 soci ed abbiamo raccolto gran parte del capitale sociale necessario ad ottenere le autorizzazioni per entrare nel mercato assicurativo. Basta un altro piccolo sforzo nel diffondere il nostro progetto, ed entro fine anno si potrà realizzare il nostro sogno: nascerà la prima compagnia assicurativa con sede nel Sud d’Italia ed una delle poche a livello nazionale in forma cooperativa», ha inoltre affermato lo stesso.

Gli altri interventi hanno ribadito l’assoluta validità del progetto della CdS e la sua importanza per il tessuto economico del nostro territorio, sia in termini di prospettive occupazionali (dirette e indirette), sia come modello per analoghe iniziative imprenditoriali in forma cooperativa in altri settori economici.

L’incontro si è concluso con la soddisfazione del numerosissimo pubblico e con l’intento, dei presenti a continuare la promozione dell’iniziativa nel cercare nuovi soci per la nascente CdS.

Non resta che augurarsi che tale sogno si realizzi: le premesse sembrano esserci tutte.

Gruppo CdS Pollino

− COMUNICATO STAMPA −

Torna “Il mercatino dell’usato di Castrovillari e dintorni” IV edizione, a Castrovillari via Roma / Corso Garibaldi, domenica 24 maggio. Il mercatino vintage e dell'artigianato creativo organizzato dall'associazione culturale “Si, mama” . Nuova location, all’aperto, grazie alla bella stagione, adottata con l'obiettivo di rivitalizzare l’isola pedonale ed avviare una serie di eventi che si susseguiranno fino ad Ottobre. Novità di questa IV edizione la presenza della zona hobbisti con le loro splendide creazioni e la zona “mercatino delle Pulci” con i loro affascinanti pezzi antichi. Per l'intera giornata i visitatori potranno trovare prodotti di qualità, riciclo creativo, vintage, gioielli, antichità, e altro, esposti in modo accattivante. Ci sarà spazio anche per la solidarietà.

Marina Martino

per l'Associazione culturale “Si, mama”

 

− COMUNICATO STAMPA −

Sono giorni piuttosto frenetici , con l'arrivo in ritardo della primavera  ed ancora sotto sporadici scrosci di pioggia, i territori del sud Italia restituiscono ancora ordigni bellici.

E' accaduto ieri nella estrema punta della nosta penisola, a Castrignano del Capo, pochi chilometri da Leuca, estremo lembo occidentale della provincia di Lecce e tacco geografico.

Le migliorate condizioni meteo hanno indotto accelerazioni nelle realizzazioni di opere murarie e di ristrutturazioni, spesso arretrate causa torrenziali piogge e in una casa colonica nel centro salentino, ai piedi di un muretto a secco in fase di ripristino, ecco comparire un oggetto metallico che immediatamente segnalato ai locali Carabinieri, è subito identificato, anche con la collaborazione di personale Artificiere dell'Arma,  in una munizione inesplosa.

Il Team di Artificieri dell'Esercito, intervenuto sul posto, lo ha riconosciuto quale una granata d'artiglieria di nazionalita' italiana, da 76mm, in uso alla Regia Marina dal 1916 ed in servizio anche durante il secondo conflitto, nei treni armati che difendevano le coste pugliesi da incursioni aeree e navali.

L'ordigno inesploso è stato rimosso e trasportato presso un vicino fondo agricolo, gentilmente concesso da un dipendente comunale, che ha permesso il brillamento in assoluta sicurezza, anche con il lavoro di un mezzo movimento terra, che ha garantito il rapido svolgimento delle operazioni.

I Guastatori della caserma "Manes" di Castrovillari (cs) intervenuti, Il Primo Maresciallo Cipriano, con l'operatore Sergente Maggiore Aversa e l'artificiere civile Merra, hanno provveduto, con la sicurezza fornita dai Carabinieri di Castrignano e il supporto medico della Croce Rossa Militare di Bari,  ad innescare la munizione, interrandola, che succesivamente, ha regolarmente brillato senza alcuna proiezione di schegge.

Dopo una rapida verifica di sicurezza  il terreno è stato livellato, riportato alle condizioni iniziali e tutti i residui delle operazioni di brillamento, rimossi.

Gli Artificieri e i Guastatori dell'11° Reggimento Genio, supportati attivamente dal personale estremamente qualificato della Caserma "Manes" di Castrovillari (CS), operano  quotidianamente con le Forze dell'Ordine e permettono il rapido ripristino delle condizioni di sicurezza del territorio, fornendo un supporto insostituibile nel campo dei residuati bellici inesplosi e nelle attivita' di prevenzione e protezione da eventi climatici e sismici.

Artificieri Genio Guastatori  Castrovillari

− COMUNICATO STAMPA −

Si svolgeranno Giovedì 30 Aprile 2015 ( dalle 18 alle 20.30) presso la sala del centro EFAL di Castrovillari (corso calabria , traversa complesso arcobaleno) le premiazioni e la mostra degli elaborati prodotti dai ragazzi delle scuole primarie e secondarie partecipanti al Concorso artistico-fotografico-letterario “I nostri Amici Animali”. Il Concorso giunto alla QUINTA edizione è stato organizzato dalGruppo ‘Passione animali’ dell’associazione “Solidarietà e Partecipazione”, dall’associazione ENPA sezione di Castrovillari in collaborazione con i servizi veterinari Castrovillari dell’ASP Cosenza. L’iniziativa si è sviluppata durante l’anno scolastico anche attraverso incontri con i ragazzi sul tema proposto al fine di sensibilizzarli ad un corretto rapporto uomo-animale. I relatori degli incontri sono stati:  l’avvocato Francesco Martire, la biologa dott.ssa Mariella Buono, la dott.ssa Marilena Amato, Francesca Renne e i veterinari dell’ Asp Cosenza Pierpaolo Avolio e Antonio Varcasia. Il Tema di questa edizione è stato :“L’abbandono degli animali: il triste fenomeno del randagismo canino”. Alle 18.30 del 30 Aprile 2015 si svolgerà la consegna degli attestati ai partecipanti e le premiazioni dei vincitori.

Gruppo ‘Passione animali’ dell’Associazione “Solidarietà e Partecipazione”

Pagina 2 di 63
Wednesday the 23rd. Castrovillari in Rete - Powered by Francesco Parrotta