Venerdì, 03 Aprile 2015 08:49

Corigliano Calabro. Rinvenuta una granata d'artiglieria in un'abitazione

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Il residuato bellico rinvenuto Il residuato bellico rinvenuto Compagnia Genio Guastatori della caserma “Ettore MANES”

− COMUNICATO STAMPA 

Nei giorni scorsi in uno stabile in ristrutturazione, nel pieno centro storico di Corigliano Calabro, il proprietario, rimuovendo vecchi oggetti di famiglia,  ha rinvenuto un oggetto metallico che sembrava un ordigno bellico.

Prontamente allertati, i locali Carabinieri del Centro storico, guidati dal maresciallo Russo, hanno identificato l'oggetto in una granata d'artiglieria in pessimo stato di conservazione. Si è quindi provveduto ad interessare gli Artificieri dell'Esercito di Castrovillari.

Sul posto sono giunti il Capo-nucleo Primo maresciallo Ciprano e l'operatore, Sergente Maggiore Aversa i quali hanno rimosso l'ordigno, dallo stabile di Via Capalbo. Ordigno che è risultato essere una granata d'artiglieria da 75mm italiana della prima guerra mondiale.

Supportato dalla Croce Rossa Militare del 10° Raggruppamento di Napoli, l'ordigno è stato fatto brillare dai Guastatori di Castrovillari,  in completa sicurezza presso la cava Jonica Lavori, in contrada Muzzari, che ha gentilmente collaborato alla risoluzione del pericoloso problema di sicurezza.

I Nuclei Artificieri dell'11° Reggimento Genio, Caserma "E. Manes" di Castrovillari, hanno già eseguito nei primi mesi del 2015, oltre 10 interventi su residuati bellici inesplosi, risultando sempre una risorsa preziosa per il territorio.

Artificieri Genio Guastatori  Castrovillari

Ἀδάμας Mέλας (Adàmas Mèlas)

Semper adamas

«La mia gente non ha paura di nulla, nemmeno delle parole»
(Gabriele d'ANNUNZIO, principe di Montenevoso)

«Ritti sulla cima del mondo, noi scagliammo, una volta ancora, la nostra sfida alle stelle!»
(Filippo Tommaso MARINETTI, Manifesto del Futurismo, in «Le Figaro», PARIGI, 20 febbraio 1909)

Vi Veri Veniversum Vivus Vici

Sunday the 20th. Castrovillari in Rete - Powered by Francesco Parrotta